Area demografica: Certificati anagrafici, di stato civile, elettorali

Ultima modifica 11 gennaio 2022

Come richiedere i certificati 

 

  • ANPR logo
    Accedendo al portale ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente) è  possibile scaricare i certificati anagrafici online in maniera autonoma e gratuita (senza imposta di bollo sino al 31.12.2022), per proprio conto o per un componente della propria famiglia, senza bisogno di recarsi allo sportello.  

Potranno essere scaricati, anche in forma contestuale, i seguenti certificati: 

  • Anagrafico di nascita
  • Anagrafico di matrimonio
  • di Cittadinanza
  • di Esistenza in vita
  • di Residenza
  • di Residenza AIRE
  • di Stato civile
  • di Stato di famiglia
  • di Stato di famiglia e di stato civile
  • di Residenza in convivenza
  • di Stato di famiglia AIRE
  • di Stato di famiglia con rapporti di parentela
  • di Stato Libero
  • Anagrafico di Unione Civile
  • di Contratto di Convivenza

Per accedere al portale ANPR è necessaria la propria identità digitale (Spid, Carta d'Identità Elettronica, Cns) e se la richiesta è per un familiare verrà mostrato l’elenco dei componenti della famiglia per cui è possibile richiedere un certificato. Il servizio, inoltre, consente la visione dell'anteprima del documento per verificare la correttezza dei dati e di poterlo scaricare in formato pdf o riceverlo via mail.

 

  • Comune stemma
    I certificati possono essere richiesti AL COMUNE utilizzando gli appositi modelli scaricabili nella sezione Modulistica del sito e inviandoli
  1. In via telematica, con e-mail indirizzata a protocollo.comune.mirano.ve@pecveneto.it (inviata anche da e-mail non PEC), seguendo le istruzioni riportate sui modelli di richiesta per l’imposta di bollo; è possibile ricevere anche i certificati in bollo per e-mail.
    Se il certificato deve essere fornito dal cittadino ad un professionista (es. notaio, studio legale, istituto di credito, ecc.) si consiglia di scegliere l'opzione "con firma digitale (formato pdf.p7M)".
  2. Per via postale
  3. Direttamente agli sportelli, senza utilizzare i modelli per la richiesta (attenzione, necessario appuntamento)

 

Costo

Tutti i certificati anagrafici sono assoggettati all’imposta di bollo, salvo che si dichiari un valido motivo di esenzione previsto dalla legge. Nei modelli di richiesta sono indicate le casistiche di esenzione dal bollo (ad esempio, certificati anagrafici richiesti da professionisti, istituti di credito, assicurazioni, richiedono l’imposta di bollo, mentre tutti gli estratti degli atti dello stato civile non hanno costi).
Non vi sono diritti di segreteria per i certificati anagrafici correnti, di stato civile, elettorali. 
I diritti di segreteria vengono applicati esclusivamente per le certificazioni anagrafiche riguardanti situazioni pregresse (storici), per la ricerca d’archivio: per ogni componente della famiglia ricercato l’importo sarà di € 5,00, o di € 2,50 se il certificato è esente dall’imposta di bollo.

 

Validità

I certificati rilasciati dalle pubbliche amministrazioni attestanti stati, qualità personali e fatti non soggetti a modificazioni hanno validità illimitata.
Le restanti certificazioni hanno validità di tre mesi dalla data di rilascio se disposizioni di legge o regolamentari non prevedono una validità superiore.

Il certificato è il documento che rende certo a terzi un dato registrato da una pubblica amministrazione.
Pubbliche amministrazioni e privati gestori di servizi pubblici NON possono richiedere o accettare certificati dai cittadini: essi devono sempre richiedere il dato all’amministrazione che lo detiene (in questo caso l’anagrafe). Il cittadino deve sempre utilizzare l’autocertificazione.
I certificati sono da utilizzare esclusivamente nei rapporti fra privati. Si informa che dal 11.10.2020 anche i privati devono accettare le autocertificazioni, a seguito della modifica agli artt. 2 e 71 del DPR 445/2000. Essi dovranno acquisire il consenso del cittadino che ha reso la dichiarazione, per effettuare le verifiche. I cittadini hanno quindi il diritto di dichiarare i propri dati a ogni soggetto privato (es: banche, assicurazioni, notai) mediante le autocertificazioni o le dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà; il soggetto privato potrà chiedere, senza costi, la conferma o meno del dato all’ufficio competente (art. 71 DPR 445/2000).

Anagrafe e Stato Civile non rilasciano mai informazioni, ma esclusivamente certificati.

In caso di dubbi o necessità di verifiche, l'ufficio è disponibile a confermare o comunicare al diretto interessato i propri dati anagrafici, fornendo gratuitamente una visura - modello 4C per la richiesta scaricabile qui - (Regolamento Europeo sul trattamento dei dati personali). L’accesso ai propri dati è possibile anche online  (servizio di visura) sul portale ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente) con SPID, CIE o CNS il cittadino può accedere direttamente ad ANPR, e visionare tutti i dati contenuti nella sua posizione nel sito www.anpr.interno.it/servizi-al-cittadino
  

Dove rivolgersi

Servizi al cittadino e Multi Sportello
Sede municipale Via Bastia Fuori, 54/56
30035 - Mirano (VE)

 

Certificati anagrafici correnti

I certificati anagrafici documentano i dati registrati nell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR). I certificati correnti (cioè non quelli storici) possono essere richiesti da chiunque e per chiunque (anche per non residenti, purché iscritti in un Comune entrato in ANPR).
 I certificati anagrafici correnti sono ad esempio:
•     Residenza (anche per cittadini AIRE)
•     Stato di famiglia (con possibilità di indicare il rapporto di parentela, solo se richiesto e motivato)
•     Cittadinanza
•     Anagrafico di nascita
•     Anagrafico di matrimonio/unione civile
•     Stato libero
•     Esistenza in vita
•     Stato civile
•     Cumulativo di stato di famiglia e residenza (o di altri certificati: un unico atto attesta più certificati)


Certificati anagrafici relativi a situazioni pregresse (storici)

I certificati relativi a situazioni pregresse possono essere richiesti esclusivamente con richiesta formale e motivata, cioè dichiarando la presenza di un interesse diretto, concreto e attuale collegato a una situazione giuridicamente rilevante (ad es. una successione o una ricerca di eredi).
Esempi di certificati storici:
•     Residenza storica
•     Stato di famiglia ad una certa data
•     Stato di famiglia originario (ricerca storica redatta a mano che riporta tutti i dati contenuti in una scheda di famiglia).

 

Certificati di stato civile

Sono i certificati che riportano i dati contenuti nei registri dello Stato Civile: è possibile il rilascio solo se l’atto è iscritto o trascritto nel Comune.

  • Certificati di nascita, matrimonio, unione civile, morte.
  • Estratti per riassunto degli atti di nascita, matrimonio, unione civile, morte. L’estratto è il documento che riporta le annotazioni contenute nell’atto. Tutti gli estratti di Stato Civile, se destinati all'estero, possono essere rilasciati anche su modello Plurilingue su richiesta dell'interessato.
    Negli estratti degli atti di nascita NON vengono indicate per legge le generalità complete (paternità e maternità). Tale indicazione deve essere espressamente richiesta, SOLO per l'esercizio di doveri o di diritti derivanti dallo stato di legittimità  o di filiazione (solo quindi su richiesta dell’interessato o di persona delegata che dovrà fornire la delega).
  • Copia integrale dell’atto di nascita, matrimonio, unione civile, cittadinanza, morte.

I certificati e gli estratti per riassunto possono essere richiesti da chiunque e per chiunque.
La copia integrale può essere rilasciata solo in presenza di un interesse un interesse diretto, concreto e attuale collegato a una situazione giuridicamente rilevante, all’interessato che dovrà dichiarare espressamente tale interesse. 


Certificati elettorali

Si tratta del certificato di iscrizione nelle liste elettorali e di godimento dei diritti politici.
La certificazione può riguardare un solo soggetto (certificato singolo) o più soggetti (cumulativo).
Le certificazioni rilasciate per presentazione candidatura o raccolta firme per proposta di legge di iniziativa popolare e richiesta indizione di referendum sono esenti da bollo.

 

Normativa

  • Legge 24 dicembre 1954, n. 1228
  • D.P.R. 30 maggio 1989, n. 223
  • D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000 - testo unico sulla documentazione amministrativa
  • Legge 12 novembre 2011 n. 183
     

Modulistica